A menudo usamos lejía como blanqueador y desinfectante para lavar la ropa y desinfectar superficies, pero puede ser agresivo para las telas y los usuarios.

Ropa limpia

Puede decolorar muchos tejidos, puede dañar la piel y los ojos, y es altamente tóxico. A pesar de que las etiquetas de muchas prendas de vestir no prohíben el uso de lejía, aprender a desinfectar la ropa sin lejía es bueno para la ropa, la familia y el medio ambiente.

PUBLICIDAD

Desde el agua caliente humeante hasta los productos cotidianos que se encuentran en la mayoría de los hogares, aprender a desinfectar la ropa puede ser más fácil de lo que crees.
La ropa de entrenamiento, los artículos que rara vez se lavan, las mantas para mascotas, las mascarillas y otros artículos que pueden albergar gérmenes son candidatos perfectos para la desinfección frecuente.

Qué usar en lugar de lejía para desinfectar la ropa

Lavar la ropa limpia

Non è necessario igienizzare ogni volta che si lava un carico, ma sapere come disinfettare i vestiti e gli altri capi di biancheria “a rischio” può rendere la vostra casa un luogo più sano. Se in famiglia ci sono membri che soffrono di asma e allergie, la riduzione degli allergeni attraverso la sanificazione della biancheria può ridurre la gravità dei sintomi.

Il normale lavaggio in lavatrice rimuove molti virus, batteri e altri agenti patogeni, ma non abbastanza da impedirne la diffusione. L’igienizzazione della biancheria aiuta a bloccare la diffusione dei germi al resto della famiglia, soprattutto quando qualcuno in casa è malato.

I batteri prosperano a temperature comprese tra 50 e 60°. È per questo che molti di noi conoscono i pericoli derivanti dalla mancata conservazione o cottura degli alimenti alle temperature corrette. Questo è anche il motivo per cui il normale lavaggio in lavatrice non igienizza i vestiti: l’acqua non è abbastanza calda per uccidere i batteri. Ma se avete una lavatrice con un ciclo igienizzante, siete fortunati.

Acqua calda e vapore

L’igienizzazione del bucato con l’acqua calda è quanto di più efficace e naturale si possa ottenere, ma potrebbe non essere l’opzione migliore per i tessuti che non si adattano bene al calore elevato. La temperatura di igienizzazione tipica delle lavatrici è di circa 165 gradi Fahrenheit. È un calore più che sufficiente per uccidere virus, batteri e altri agenti patogeni. Produttori come LG Electronics affermano che le loro impostazioni di igienizzazione sono progettate per rimuovere il 99,9% dei batteri mentre igienizzano il bucato.

 

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO CONTENUTO: Conosci il “water walker”? È un esercizio semplicissimo che dà dei benefici impressionanti

Aceto bianco distillato

Dalla pulizia alla deodorazione, l’aceto bianco è un prodotto sicuro e naturale che ha molti usi pratici in casa ed è anche un potente disinfettante per il bucato. Aggiungete una tazza di aceto bianco distillato al ciclo di risciacquo quando volete igienizzare un carico di biancheria.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO CONTENUTO: Quanti chili si possono perdere al massimo in un mese? La risposta ti sorprenderà

L’aceto bianco uccide i batteri, deodora il bucato, ammorbidisce i tessuti e aiuta a mantenere i colori brillanti. Chi l’avrebbe mai detto che l’aceto potesse essere il detersivo ecologico per eccellenza? Per essere sicuri che non ci siano odori persistenti, usate un secondo ciclo di risciacquo.

Perossido di idrogeno

Nonostante il nome tecnico, il perossido di idrogeno è uno dei composti più ecologici che si possano usare. Si tratta infatti di un elemento naturale formato dalla luce solare che agisce sull’acqua, il che lo rende perfettamente sicuro per molti usi, compreso quello di igienizzare il bucato. Tenete solo presente che l’acqua ossigenata può avere un effetto sbiancante su alcuni tessuti, quindi non esagerate.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

Per igienizzare il bucato, aggiungete una tazza di perossido di idrogeno al 3% a un normale ciclo di lavaggio. Proprio come l’aceto bianco, l’acqua ossigenata ha altri benefici per il bucato, come sbiancare, illuminare e disinfettare.

Olio di pino

L’olio di pino è un efficace detergente e disinfettante naturale per il bucato, se usato nelle giuste concentrazioni. Per igienizzare il bucato con l’olio di pino, è necessario un vero prodotto all’olio di pino, non una formula al profumo di pino o a bassa concentrazione. Sebbene l’olio di pino sia sicuro per la maggior parte dei tessuti nella lavatrice, la regola generale è di non usare l’olio di pino su indumenti come la lana o la seta. Aggiungete una tazza di olio di pino direttamente nella lavatrice una volta riempita. Poiché l’odore del pino può essere forte, è necessario un secondo ciclo di risciacquo per rimuovere i residui e l’odore dell’olio.

 

 

Oli essenziali

Gli oli essenziali biologici sono killer naturali di agenti patogeni e possono essere utilizzati per igienizzare il bucato. In forma non diluita, gli oli essenziali sono efficaci antibatterici, antimicotici, antisettici e hanno anche un buon profumo. Assicuratevi di utilizzare sempre oli essenziali naturali al 100% per l’igienizzazione e sappiate che, a concentrazioni così elevate, questi oli possono essere tossici per gli animali domestici e aggravare la pelle.